Archivi per la categoria ‘Blog’

Tre partite in una!

Inizio questo post con due aforismi famosi: il primo è di Vasilij Smyslov, che disse: “Sono determinato a fare 40 mosse buone: se il mio avversario riuscirà a fare altrettanto allora finirà patta” (e questo è ciò che è avvenuto nelle prime 5 partite del Match tra Carlsen e Nepomniactchi); il secondo è attribuito a Josè Raul Capablanca e recita: “Per vincermi bisogna superarmi tre volte: in apertura, in mediogioco ed in finale” (che è poi l’esito della sesta partita che andiamo a commentare).

Questa volta lo dico senza polemica: finalmente gli spettatori hanno avuto un assaggio di quel che volevano, cioè una partita tra due “gladiatori” senza esclusione di colpi e con un vincitore finale. Infatti un aspetto collaterale della finale per il titolo mondiale è l’audience di milioni di spettatori in tutto il mondo che vorrebbero assistere ad avvenimenti epocali, come sarà per questa partita appena conclusa che – intanto – è già un record: la più lunga partita (136 mosse) che si sia mai vista in un match mondiale.

Voglio però proporre un punto di vista diverso dalle tante narrazioni immediate che si stanno accumulando: quello dello sconfitto. Pur dando una leggera preferenza al Campione del mondo devo riconoscere che l’equilibrio del Match si è spezzato proprio per la generosità dello sfidante, che invece di proseguire (guadagnando peraltro un punticino Elo a partita) nel suo intento di non perdere, ha per ben tre volte battuto un sentiero alla ricerca della vittoria.

In apertura

Posizione dopo 11…b5!?

Carlsen gioca nuovamente la Catalana, dopo aver testato la preparazione dello sfidante nella Difesa Russa, scegliendo un’idea molto poco battuta che tuttavia, come ci confermava Luca Barillaro, nella puntuale live del GM Roberto Mogranzini, faceva parte della preparazione del team dello sfidante (composto oltre che da Luca Barillaro stesso da un gruppo “a doppia cifra” di specialisti, di cui citiamo solo Vladimir Potkin e Sergej Karjakin).
Il primo ad innovare veramente è stato proprio il Russo, prima con 9…De7, la vera Novità, poi con la coraggiosissima 11…b5 che ha veramente sorpreso tutti, compreso Carlsen.

Posizione dopo 15.Cd3

Carlsen riusciva comunque a portare la partita verso temi strategici a lui congeniali portando un Cavallo in d3 (come argomentato dai bravissimi commentatori di Chesscomit: Michele Godena, Giulio Borgo, Lexy Ortega e Carlos Garcia Palermo e al termine anche da Carlo Marzano e Renzo Ramondino per Chess24.italian).

Posizione dopo 17. Axf6

Ed ecco uno dei primi momenti critici, alla 17^ mossa (che come argomentato nei giorni scorsi dal GM Danyyil Dvirnyy è un momento particolarmente ricco di tensione). A questo punto il Nero potrebbe giocare per la patta riprendeno in f6 con la Donna e invece sceglie di tenere in campo le Donne per avere un mediogioco più complicato.

In mediogioco

Posizione dopo 22…De4

Se si può assegnare la battaglia per l’apertura a Nepomniacthi per la sua intraprendenza, anche gran parte del mediogioco lo si potrebbe assegnare al Nero: la scelta di mantenere le Donne pareva premiare proprio il Russo a giudicare da questa posizione obiettivo, dove la differente attività è evidente.

Posizione dopo 25…Tac8

Ed ecco, dopo un pressing da parte del Nero, un’altra decisione sofferta: quella di consentire il cambio della Donna per due Torri, che aggiunge nuove squilibrio e quindi maggiori possibilità di errore per entrambi i giocatori.
Squilibrio che porterà il Nero ad avere una posizione più promettente.

Posizione dopo 35.Tc5

A questo punto, dopo alcune mosse imprecise da parte di entrambi lo sfidante perde l’occasione per passare in discreto vantaggio, semplicemente guadagnando il pedone in b4, ma agonisticamente ha preferito lasciare all’avversario la pressione del tempo (Carlsen aveva pochi minuti per raggiungere la 40^ mossa) e giocare una mossa utile per sbarrare la 5^ traversa e per minacciare la spinta in e4. Come biasimarlo? Non si volevano forse quelle decisioni azzardate soprattutto da parte dello sfidante?
E così eccoci un errore! Errore che si protrae ancora per la mossa successiva.

In Finale

Posizione dopo 40.Cxe4

Alla fine del controllo del tempo, esattamente alla 40^ mossa (non proprio la migliore) il futuro della partita sembra essere un finale o tra le due Torri contro la Donna (favorevole al Bianco) oppure tra Torre e Cavallo contro Donna (sostanzialmente patto per vie di alcune fortezze da parte di Carlsen).

Posizione dopo 52…De4?!

Preoccupato della possibilità che il Campione potesse rifugiarsi in una solida fortezza difensiva, lo sfidante si assume la responsabilità di un nuovo rischio: sbilanciare ancora la posizione per cercare qualche via per la vittoria. Col senno di poi (ed un’occhiata ai motori scacchistici) appare evidente che si tratta di un nuovo errore, in cui il Nero persevera anche dopo la conseguente cattura in a3 non riprendendo la Torre sempre per via della possibile fortezza del Bianco.
Nepomniactchi gioca ancora una volta per sbilanciare tatticamente la partita.

Posizione dopo 82…Dd5

E così dopo una lotta davvera epica da parte di entrambi si arriva ad un finale che le Tablebases danno come patto a gioco corretto, ma si sa che dopo 7 ore di gioco e soprattutto tra le grinfie di Carlsen (notoriamente ostico in questa fase del gioco) riuscire a giocare le mosse esatte non sia proprio facile.
La preparazione di entrambi è impressionante soprattutto in apertura dove giocano le migliori linee del Livebook sino a mediogioco inoltrato, motivo per cui ho scelto l’aforisma di Smyslov nella premessa del post.

Posizione dopo 130…De6?

Dopo aver superato la partita più lunga in un match mondiale (Kortchnoj-Karpov, che aveva registrato 124 mosse) si arriva ad un momento topico, e ancora una volta, nel cercare la mossa più aggressiva (una inchiodatura) lo sfidante sbaglia e non azzecca una delle mosse da Tablebase. Da questo momento invece il gioco preciso di Carlsen diventa inesorabile.

In conclusione dopo aver tributato il giusto merito a Nepomniactchi per il coraggio e per l’impegno profuso a favore di uno sblocco dell’impasse che si prospettava di replicare il match precedente con Fabiano Caruana, possiamo sicuramente aspettarci nuove emozioni nelle prossime partite, perché essendosi rotto l’equilibrio si aprono nuovi scenari.

Troppe patte? Qualche idea…

Come risolvere il problema delle troppe patte negli scacchi.

Dopo quattro partite della finale del campionato mondiale di scacchi tra Carsen e Nepomniatchi, (che sto seguendo su Twitch sui canali degli amici Maria Grazia De Rosa,Chesscomit, oppure Roberto Mogranzini, o in differita sul canale di Matteo Zoldan, Chess24.it) si è riacceso il dibattito scomposto dei tanti spettatori (spesso semplici principianti) su come risolvere il problema delle troppe patte. Solitamente le considerazioni sono stucchevoli e irriguardose rispetto al nostro nobil gioco, fatte da chi vuole “vedere sangue”: come se in una gara di formula 1 si beassero degli incidenti (possibilmente mortali). Siamo dunque di fronte ad una morbosità che nulla ha a che vedere col nostro sport; quindi, coloro che hanno questo temperamento – semplicemente – passassero ad altro.


Non si è ancora spenta infatti la delusione dell’ultimo Match tra Carlsen e Caruana, dove le patte furono 12 su 12 e il titolo fu assegnato dopo tre partite a cadenza rapida. Tornando indietro negli anni la “morte per patta” degli scacchi era già stata paventata sin dai tempi di Capablanca (che aveva proposto di allargare la scacchiera passando ad una 10×10 con l’aggiunta di due nuovi pezzi), di Fischer (che voleva annullare la preparazione in apertura sorteggiando la posizione dei pezzi sulla prima linea di ogni giocatore), di Karpov e Kasparov ai quali fu addirittura annullato un match per le troppe patte che diventavano onerose per gli organizzatori (Karpov in quell’occasione perse oltre dieci chili, per cui i medici consigliarono la sospensione del Match).

Già dopo il campionato, a mio parere bellissimo, tra Carlsen e Caruana scrissi un post con qualche idea per ridurre le possibili patte, con la doverosa premessa che il pareggio non è solo il risultato più probabile ma anche il più giusto per sancire una partita giocate bene da ambedue i giocatori (la precisione di entrambi ha sfiorato le perfezione: 99,8 e 99,7).

Ora ritorno, in questo articolo, con qualche altra considerazione oltre a qualche nuova provocazione.
Riprendendo un’idea già prospettata allora e caduta nell’indifferenza generale, a mio parere gli spareggi dovrebbero essere giocati prima del Match, se si vuole migliorare lo spettacolo: il giocatore che avesse perso gli spareggi si impegnerebbe al massimo per capovolgere il risultato nelle partite lunghe. La provocazione che aggiungo oggi è che prima ancora della blitz del giorno (che potrebbe pure finire patta) per fare spettacolo si invita una celebrità a lanciare una monetina: una sorte di Dea bendata, qui sta la “provocazione” perché potrebbe anche trattarsi di un Armageddon che spesso ha la stessa valenza. La monetina può dare la preferenza ad uno o all’altro giocatore e nel caso dei match, questo rituale iniziale, può avere un peso di questo genere:

– la preferenza della monetina vale 0,15 punti (oppure 15 se si vuole eliminare il decimale)

– la patta nella blitz varrebbe 0.25 (o 25), la vittoria 0.50 (ovvero 50)

– la patta nella classica varrebbe sempre 0,50 (o 50) e la vittoria 1 (o 100)

Questo significherebbe che ogni giornata avrebbe un giocatore in testa e probabilmente sarebbe sufficiente programmare un numero di turni dispari.

Altra proposta simile a quella fatta allora è quella di introdurre il coefficiente di difficoltà nella scelta dell’apertura e della difesa: si prendono tutte le partite giocate da IM o GM su ogni codice ECO e si stabiliscono le percentuali statistiche di successo per i due giocatori:

Percentuali tratte dal libro Powerbook 2022

In questo esempio le mosse di apertura sono filtrate per Average (media ELO dei giocatori) e le statistiche sono mostrate per la percentuale di successo del Bianco. L’apertura selezionata è la Larsen che come si può notare dal riquadro colorato in basso da storicamente il 38% di vittorie al B., il 32% al N e solo il 29% di patte, quindi promette di essere spettacolare. Secondo la mia proposta, un po’ come avviene nelle gare di tuffi o di ginnastica, la scelta dell’apertura darebbe in tal modo al giocatore la possibilità di sbilanciare la partita, poiché – nel caso visto della Larsen – alla vittoria del Bianco (probabiltà 38%) sarebbe assegnato un plus di 12 punti (differenza dal 50%), mentre alla vittoria del Nero (probabilità 32%) sarebbe assegnato un plus di 18 punti.

In caso di patta invece – e qui sta la significatività della proposta – il Bianco gode di un risultato utile atteso (vittoria + patta) del 52,9 che sarebbe arrotondato a 53%, quindi la patta darebbe al Nero 0.53 punti (o 53 se si vuole eliminare la virgola) e soltanto 0.47 al Bianco (o 47 senza decimali).

Tutto questo è solo un esempio, non sono un matematico come Arpad Elo e sicuramente ci potrebbe essere una commissione FIDE per stabilire questi coefficienti e per aggiornarli ogni anno (o periodicamente come si fa col rating), ciò che conta è che a questo punto le patte non sarebbero più un comodo rifugio per i giocatori, perché quasi sempre uno dei due sarebbe avvantaggiato e l’altro dovrebbe correre ai ripari giocando più aggressivamente per recuperare lo svantaggio. Ecco qua mi pare che siano degli spunti interessanti con cui contribuire ad un dibattito che giudico a prescindere poco costruttivo.

I fondamenti del mediogioco

Appuntamento gratuito su Zoom

Lunedì 11 gennaio, ore 18:30, appuntamento gratuito su Zoom per presentare un nuovo metodo di allenamento dedicato al mediogioco. Avrò il piacere di presentare il primo tema, l’inchiodatura, sviluppato dall’amico Rodolfo Leoni a beneficio di tutti coloro che si affacciano in questo periodo sul microcosmo delle 64 caselle.
In questo suo primo lavoro Rodolfo ha affrontato uno dei temi tipici della tattica (ma ad un livello avanzato anche della strategia), esemplificando tutte le tipologie di inchiodatura (relativa, assoluta, parziale, totale…) e soprattutto motivi e temi che appaiono spesso sulla scacchiera.
Per i partecipanti al webinar ci sarà anche un Pdf in omaggio oltre 50 pagine estratte dalla monografia completa del tema trattato.

Chiunque potrà comunque scaricare la copia di valutazione al seguente indirizzo: https://drive.google.com/file/d/1dcQdFQJ4FmpyTwnG6X3rntbVonojqTar/view?usp=sharing

Chi volesse avere ulteriori informazioni sull’opera e sulla collana completa può scrivere direttamente all’autore all’indirizzo mail: rodolfoleoni@outlook.it.